Recensione Anime - Maken Ki!

Per trovare la propria strada, per raggiungere il proprio obiettivo, bisogna mostrare il proprio spirito alla Tenbi... la via delle fiamme dev'essere impressa nel cielo!
Kinua Galette e Shinatsu Azuki - Episodio 1

Piccante e combattiva, così si è presentata al pubblico la serie anime Maken-Ki!, tratta dal manga giapponese di Hiromitsu Takeda: con la notizia dell'arrivo della seconda serie, dal titolo Maken-Ki! Two, ci ritroviamo ad analizzare questo ecchi dai toni vivaci. Prodotta dallo Studio AIC e diretta da Kōichi Ōhata (Macross II), la serie è stata trasmessa tra il 5 ottobre 2011 e il 21 dicembre dello stesso anno, raccontata attraverso 12 episodi e due OVA animati. Ci ritroviamo nei corridoi dell'istituto Tenbi, che da scuola prettamente femminile apre le porte anche a studenti di sesso maschile, tra cui il nostro protagonista Oyama Takeru. Preso dalla facilità con cui è riuscito ad iscriversi e contento di aver abbandonato la malinconica vita di un istituto di soli uomini, con sua grande gioia viene assalito subito da una miriade di ragazze prosperose, tra cui spiccano la sua amica d'infanzia e vice presidente del consiglio studentesco Haruko Amaya e un'auto proclamata fidanzata di nome Inaho Kushiya. Eppure la nuova scuola non è quello che sembra e già dal primo giorno si ritroverà ad assistere a strani combattimenti, dovendo affrontare una bionda ed eccentrica ragazza, Kodama Himegami, che sembra volerlo uccidere. Con un inizio del genere Takeru viene a conoscenza che all'istituto Tenbi la magia la fa da padrona, ed infatti tutti gli studenti vengono introdotti all'arte del combattimento attraverso l'uso di particolari e misteriosi manufatti chiamati Maken, i quali danno la possibilità all'utilizzatore di far uso di poteri magici, Element, di varia natura. Ben presto scoprirà di essere incompatibile con ogni tipo di Maken disponibile, ma qualcosa in lui è speciale ed è proprio Himegami, fomentando la gelosia di Haruko, a scoprirlo. Riuscirà il nostro giovane protagonista a districarsi in questa assurda situazione e a conoscere i suoi poteri? maken-ki recensione

 

Tante forme, poca sostanza

Niente di innovativo. Catalogato anche come commedia scolastica con un pizzico di mistero, Maken-Ki! si rivela il tipico anime in stile ecchi, con trama lineare e comparabile con milioni di altri titoli: citiamo ad esempio IS - Infinite Stratos, anime andato in onda nello stesso periodo di Maken-Ki!, che riprende a grandi linea lo stesso incipit e ambientazione, ma che a differenza di questo titolo possiede meno fanservice. La serie introduce il concetto di magia e delle armi Maken troppo velocemente. Benché i primi episodi presentino pericolosi misteri e invoglino lo spettatore a cercare altro oltre le grazie delle studentesse, i vari elementi che verranno inseriti nelle puntate successive, purtroppo, non saranno sviluppati a dovere. Per riuscire a capire bene la situazione in cui realmente ci porta Maken-Ki! si deve per forza andare a sfogliare il manga e questo è decisamente un punto a sfavore. maken-ki recensione Il tutto viene confuso e messo in secondo piano da un fanservice esuberante e preponderante sulle scene. Le inquadrature dal basso verso l'alto, atte a mettere ben in evidenza le curve delle ragazze, sono sicuramente la firma di questo genere di serie animata, ma la maggior parte delle volte è ciò che la porta alla rovina. Sì, perché è più apprezzato un anime hentai con un accenno di trama sensata, che un ecchi basato solo sulle grazie femminili. Inoltre la versione TV è stata trasmessa censurata con sfumature e coni di luce bianca, rendendo alcune scene ridicole. Perché offuscare proprio ciò che si vuole far vedere? Giusto farlo in serie appartenenti ad altri generi, ma in questa proprio no. Nonostante l'ambientazione scolastica, molte vicende si svolgeranno in luoghi diversi, posti scelti prettamente per creare scene erotiche e non per lo sviluppo della trama iniziale. Anche il ritmo delle gag comiche risulta altalenante e non molto brillante; apprezzabili soltanto alcuni siparietti in cui è coinvolto il miglior amico del protagonista, Kengo Usui, che riescono a rubare qualche risata spontanea. maken-ki recensione

Maken-Ki! tra combattimento ed erotismo

Stesso concetto vale anche per la caratterizzazione dei personaggi. Oyama Takeru è il tipico studente liceale, messo sotto scasso dai suoi stessi ormoni, che si rivela sciocco e alquanto ottuso, soprattutto per quanto riguarda i sentimenti che molte ragazze provano nei suoi confronti. Questo atteggiamento creerà banali scatti di gelosia delle ragazze, che ovviamente si ripercuoteranno sullo sfortunato protagonista. Nonostante all'inizio non abbia la benché minima idea di cosa siano i Maken o sappia cosa accade in quella strana scuola, da un episodio all'altro questo non avrà più alcun valore e durante un duello non ci penserà su prima di intromettersi a rischio della sua incolumità. Questo repentino cambio di atteggiamento non può definirsi un'evoluzione del personaggio, perché ingiustificato e privo di logica. maken-ki recensione Solo nell'ultimo episodio si avrà un piccolo flashback del suo passato, ma non basterà a dare fondamento ad un atteggiamento troppo poco studiato. Così come per il protagonista anche per gli altri personaggi, che saranno veramente troppi per una serie con così pochi episodi, non ci saranno cambiamenti. Per gli antagonisti la situazione è forse peggiore. Nel corso degli avvenimenti verrà fuori il nome di Kamigari, un'associazione che ha come obiettivo la resurrezione di Yamata no Orochi, un essere mostruoso da cui si sono originate le armi Maken, e la conseguente distruzione dell’Istituto Tenbi. Introdotti come un male assoluto si riveleranno quasi insulsi nel ruolo di antagonisti, tanto che, per lo spettatore, riuscire a capire la reale motivazione che si cela nelle azioni e nelle battaglie che inizieranno risulta alquanto difficile. La storia di Maken-Ki! alla fine di questa prima stagione si conclude con un nulla di fatto. Quella che dovrebbe essere descritta come una battaglia a suon di magia, tra il bene rappresentato dalla Tenbi e la malvagia Kamigari, si trasforma in una semplice schermaglia tra scuole rivali con qualche effetto speciale e tanti seni. maken-ki recensione

Tecnicamente valido per una simile sceneggiatura

Qualche punto a favore lo recupera il comparto tecnico di Maken-Ki!. Gradevoli i disegni, ovviamente lo stile è scelto proprio per esaltare il corpo e il seno femminile, ma si rivela un tratto morbido e piacevole, abbellito da sfondi ricchi e un buon uso dei colori vivaci. Le animazioni e le scene di lotta sono ben realizzate e dinamiche, peccato che non siano molto originali e spesso risultino inconcludenti. Infine, anche il comparto sonoro è nella media: affidato a Cher Watanabe (Zero no Tsukaima: Princess no Rondo) troviamo buone OST, inserite nei giusti punti e ben coordinate con le scene. Anche le sigle, la opening Fly Away di Misuzu Togashi e la ending Baby! Baby! cantata dalle doppiatrici dei personaggi femminili, sono orecchiabili e frizzanti. maken-ki recensione

Commento finale

Maken-Ki! non offre nulla di più rispetto ad altri prodotti dello stesso genere, mantenendo tutte le caratteristiche e i limiti che un'opera simile può proporre al pubblico. Nientemeno che un titolo poco brillante e, in alcuni punti, noioso. Eppure la notizia è ormai confermata e la seconda serie animata dal titolo Maken-Ki! Two, verrà trasmessa nella prossima stagione invernale. Questa nuova produzione vedrà all'opera uno staff tutto nuovo rispetto alla prima serie, ma lasciando la sceneggiatura sempre a Yōsuke Kuroda. Nella speranza che questi cambiamenti portino a qualche miglioramento della situazione e ad un migliore sviluppo della trama, che per come viene sviluppata nel manga originale risulta decisamente più interessante rispetto a questa trasposizione animata, bisogna dire che Maken-Ki! non raggiunge la sufficienza.

Voto  5

Commenti

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Random Posts

Post popolari in questo blog

Nuova stagione anime in arrivo! Ecco le novità della primavera 2014

FanFiction su Fairy Tail - Tears of Blood Capitolo 17