La promessa dei ciliegi' e il terremoto in Giappone

Vi riporto, così com'è stato pubblicato, un articolo di Serena Virgilio, preso da Panorama.it che ci parla dell'opera di Keiko Ichiguchi "La promessa dei ciliegi". Un racconto che credo valga davvero la pena di leggere.





"“La promessa dei ciliegi”, pubblicato da Euromanga Edizioni, è un fumetto di Keiko Ichiguchi, autrice giapponese trapiantata da tempo in Italia. Il libro racconta due momenti cruciali in cui la protagonista Itsuko, figura di ispirazione autobiografica, si trova ad affrontare la paura della morte: da bambina a causa di una malattia e da grande, quando il terremoto colpisce il Giappone nel marzo 2011.
Il senso di vuoto e di impotenza sono comunicati molto efficacemente. Lo straniamento di fronte al concetto della morte, nuovo e terribile, è descritto con relativamente poche parole, attraverso le visioni e i pensieri morbosi della bambina. Confermata da adulti che la trattano come fosse fragile, la convinzione di stare per morire pervade la piccola Itsuko che, esclusa dalle attività dei suoi coetanei, si sente diversa e terribilmente sola. È una maestra che, coinvolgendola e apprezzando i suoi risultati negli studi, le dà la spinta necessaria a sentirsi viva.
Lo shock del terremoto invece è una serie di notizie e sensazioni che si accavallano, generando panico e confusione: seguendo l'evento dall'Italia, Itsuko si sente persa, privata della sua identità nazionale. La sua reazione la porta a cercare la vicinanza degli altri connazionali in Italia e poi a tornare in Giappone a trovare la famiglia e le amicizie. Di nuovo, le sono di sostegno figure che le danno spazio e fiducia: il suo compagno e ancora una volta la maestra, ormai anziana e a sua volta ammalata.
Fondamentale è la presa di coscienza tanto della propria fragilità che della persistenza del mondo e della vita, che vanno comunque avanti. A fare da simbolo, tenero e distante al tempo stesso, è la splendida fioritura dei ciliegi che si ripete ogni anno, e a cui ci si ripromette di continuare ad assistere, nonostante tutto.

Pubblicato da una casa editrice dedicata principalmente alla didattica del manga, il libro si chiude con una breve ma interessante appendice in cui l'autrice illustra il modo a cui ha lavorato all'opera con schizzi, note e fotografie."

Le recensioni in giro per il web sono davvero buone, quindi credo proprio che presto andrò a comprarlo e dirò la mia.

Alla prossima

Commenti

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Random Posts

Post popolari in questo blog

FanFiction su Fairy Tail - Tears of Blood Capitolo 17

Nuova stagione anime in arrivo! Ecco le novità della primavera 2014